Lunedì, 13 Aprile 2015 11:03

Conclusa la quarta edizione dell’International Space Apps Challenge

IMG 0101

Space Split Food: è questo il progetto che ha vinto il primo posto a Napoli della quarta edizione dell’International Space Apps Challenge. Il progetto, sviluppato da un team formato da sei ragazzi tra cui due donne, risponde alla sfida Print Your Own Space Food lanciata dalla NASA allo scopo di trovare un nuovo modo di produrre cibo per consentire future missioni spaziali di lunga durata, con evidente beneficio anche per la vita sulla Terra. L’idea proposta è di creare un nuovo modo di produrre e distribuire cibo utilizzando moderne tecnologie di stampa 3D.

Al secondo posto si è classificato il progetto SelfieSat, finalizzato alla realizzazione di un nano-satellite ospitante una fotocamera che può scattare foto e video del satellite madre durante voli planetari.

Insieme a questi due progetti, selezionati da una giuria locale, ce n’è poi un terzo, votato da tutti i partecipanti alla manifestazione, che concorrerà al giudizio globale. La NASA, infatti, raccoglierà tutte le segnalazioni locali e determinerà i vincitori per ciascuna delle quattro aree tematiche proposte: Terra, Spazio, Umanità e Robotica.

Oltre ai premi della NASA, l’IBM – sponsor della manifestazione – ha assegnato il Bluemix Award, un premio consistente in sostegno economico e supporto tecnico alla squadra vincente qualora volesse lanciare una startup, al progetto Hoe Help, un’applicazione studiata per andare incontro ai problemi degli agricoltori.

Tante dunque le idee, tanto l’entusiasmo, la creatività e il talento mostrato dai ragazzi, alcuni addirittura liceali, che hanno dimostrato che quando ci sono le opportunità il talento emerge.

Si è conclusa così la quarta edizione dell’International Space Apps Challenge organizzata a Napoli dall’IREA-CNR e dal Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università degli Studi di Napoli ‘Federico II’ in collaborazione con il Consolato degli Stati Uniti del sud Italia. La manifestazione, che ha avuto luogo presso la sede di Via Nuova Agnano dell'Università Federico II, ha dato la possibilità a tanti giovani di mettersi in gioco e di proporre il proprio progetto ad una delle più grandi istituzioni mondiali quale la NASA, nonché di istruire le nuove generazioni alla crescente cultura spaziale.

Per 48 ore 7 team di studenti e appassionati di scienza e tecnologia si sono impegnati alla ricerca di soluzioni innovative a sfide lanciate dalla NASA per il miglioramento della vita sulla Terra e nello Spazio, lavorando in contemporanea con migliaia di partecipanti disseminati in ben 139 città e 63 Paesi di tutto il mondo.

Napoli è entrata a far parte di questo grande evento promosso dalla NASA grazie all’iniziativa di un giovane ingegnere indiano, Chandrakanta Ojha, studente di dottorato dell’Università La Sapienza di Roma e assegnista di ricerca IREA, già vincitore nel 2013 di una precedente edizione svoltasi a Roma, e alla preziosa collaborazione del prof. Francesco Marulo, docente di ingegneria Aerospaziale dell’Università Federico II, e del Consolato USA per il sud Italia.
 

IMG 0103

 

 


 
Principale Rassegna stampa:

 

Scelto il progetto napoletano su innovazioni aerospaziali che rappresenterà l'Italia alla gara internazionale sull'innovazione promossa dalla NASA
Campania Aerospace News, 13 aprile 2015
 
Campania Aerospace News, 13 aprile 2015
 
Intervista di AEROPOLIS a Chandrakanta Ojha giovane ricercatore indiano che studia e lavora al CNR IREA di Napoli, vincitore della passata edizione italiana e secondo classificato tra i progetti mondiali valutati dalla NASA
Campania Aerospace News, 13 aprile 2015
 
Campania Aerospace News, 13 aprile 2015
 
Il Mattino.it, 11 aprile 2015
 
Video, 11 aprile 2015
 
Il Mattino, 11 aprile 2015
 
Il Mattino.it, 9 aprile 2015
 
Napoli - Repubblica.it, 5 aprile 2015

 


Vai alle altre notizie in evidenza

Letto 6441 volte