Nominativo
 
Liv.
Profilo
 
CASTALDO RAFFAELE 03 Ricercatore
DE LUCA CLAUDIO 03 Ricercatore
IMPERATORE PASQUALE 03 Ricercatore
LUDENO GIOVANNI 03 Ricercatore
PEPE SUSI 03 Ricercatore
PERSICHETTI GIANLUCA 03 Ricercatore
ROMEO STEFANIA 03 Ricercatore
REALE DIEGO 03 Ricercatore
SCAPATICCI ROSA 03 Ricercatore
ZINNO IVANA 03 Ricercatore
PALMA ELENA 07 Collaboratore di amministrazione
RUSSO NADIA 07 Collaboratore di amministrazione
Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2018 12:34

 

Nominativo
 
Liv.
Profilo
 
FORNARO GIANFRANCO 01 Dirigente di Ricerca
BERNINI ROMEO 02 I° Ricercatore
CROCCO LORENZO 02 I° Ricercatore
SANSOSTI EUGENIO 02 I° Ricercatore
SCARFI' MARIA ROSARIA 02 I° Ricercatore
SOLDOVIERI FRANCESCO 02 I° Ricercatore
BERARDINO PAOLO 03 Ricercatore
CASU FRANCESCO 03 Ricercatore
CATAPANO ILARIA 03 Ricercatore
MANUNTA MICHELE 03 Ricercatore
MANZO MARIAROSARIA 03 Ricercatore
PAUCIULLO ANTONIO 03 Ricercatore
PEPE ANTONIO 03 Ricercatore
SOLARO GIUSEPPE 03 Ricercatore
TESTA GENNI 03 Ricercatore
TIZZANI PIETRO 03 Ricercatore
ZENI GIOVANNI 03 Ricercatore
ZENI OLGA 03 Ricercatore
GUARINO SIMONE 04 Collaboratore tecnico enti di ricerca
RASULO MARIA CONSIGLIA 04 Collaboratore tecnico enti di ricerca
DI MATTEO FRANCESCA 05 Collaboratore di amministrazione
SOLE GENEROSO 05 Collaboratore di amministrazione
PARISI FERDINANDO 06 Collaboratore tecnico enti di ricerca
SANNINO ANNA 06 Collaboratore tecnico enti di ricerca



Ultima modifica il Venerdì, 13 Aprile 2018 12:36
Citta’della Scienza, uno dei fiori all'occhiello di Napoli, il principale museo scientifico interattivo italiano, visitato ogni anno da circa 350 mila persone, esempio innovativo, concreto e riuscito di diffusione della cultura scientifica in Italia e nel mondo, è oggi quasi completamente distrutta a causa di un enorme rogo che in…

<object height="315" width="560" codebase="http://download.macromedia.com/pub/shockwave/cabs/flash/swflash.cab#version=10,0,32,18" classid="clsid:d27cdb6e-ae6d-11cf-96b8-444553540000">
<param name="flashvars" value="file=http://www.irea.cnr.it/cnr-videos/video_IREA_per_Futuro_Remoto_2012.flv" />
<param name="src" value="http://www.walkernews.net/mediaplayer.swf" /><embed height="315" width="560" src="http://www.walkernews.net/mediaplayer.swf" flashvars="file=http://www.irea.cnr.it/cnr-videos/video_IREA_per_Futuro_Remoto_2012.flv" type="application/x-shockwave-flash"></embed>
</object>

 

Ultima modifica il Martedì, 20 Novembre 2012 13:42

postazione irea3 small

Postazione IREA alla XXVI edizione di Futuro Remoto
Cosa fare
Seleziona sulla mappa il sito di interesse cliccando su uno dei pallini rossi (es. area di Napoli); puoi zoomare utilizzando la barra in alto a sinistra della mappa.
Continua a zoomare finché non vedi più pallini ma cerchi colorati.
Posiziona il puntatore al centro di un cerchio colorato e fai clic col tasto sinistro del mouse
 
Nota che:
uno zoom insoddisfacente o un clic errato all'esterno dei cerchi produrrà il seguente messaggio di avviso: "Area senza dati InSAR disponibili"
i popups devono essere sbloccati per visualizzare il grafico
per visualizzare / nascondere-i pixel colorati basta fare clic sul pulsante “maschera InSAR”
 
Cosa notare
I cerchi colorati sono rappresentativi delle velocità medie di spostamento rilevate dai satelliti. I punti verdi rappresentano le zone stabili, mentre quelli che vanno verso il rosso o verso il viola indicano le zone che si deformano.
Cliccando su ogni puntino colorato si può vedere un grafico che mostra l’andamento storico della deformazione in quella zona. Nell'area di Pozzuoli, ad esempio, è possibile visualizzare un abbassamento della zona fino a 25 cm. nel 2005 e un successivo sollevamento dovuto a una nuova fase del bradisismo.
Ultima modifica il Lunedì, 03 Giugno 2013 10:23

L’IREA è una delle Unità di Ricerca dell’ICEmB (Centro Interuniversitario sulle Interazioni fra Campi Elettromagnetici e Biosistemi) in cui è coinvolta nello studio sperimentale dei meccanismi di interazione tra campi elettromagnetici di bassa e alta frequenza (da 50 Hz ai THz) e sistemi biologici e del loro impiego in biologia e medicina per applicazioni diagnostiche e terapeutiche.

In particolare, le tematiche di ricerca riguardano:

- Valutazione degli effetti indotti a carico di colture cellulari di mammifero in seguito a esposizioni a campi di bassa (50 Hz) e alta frequenza, con particolare riferimento alle frequenze e modulazioni in uso per la telefonia cellulare e le comunicazioni wireless (GSM, UMTS, WiFi). Inoltre, sono stati anche valutati effetti indotti da esposizioni alle frequenze dei THz. Da un punto di vista biologico, vengono studiati gli effetti correlati alla cancerogenesi genotossica (danno diretto al DNA) e non genotossica (stress ossidativo, apoptosi, proliferazione cellulare, citotossicità).

- Valutazione degli effetti indotti da esposizioni combinate a campi elettromagnetici e mutageni chimici e fisici al fine di individuare i meccanismi di azione alla base delle interazioni tra CEM e sistemi biologici, con particolare riguardo all’induzione di risposta adattativa. 

- Progettazione e realizzazione di sistemi di esposizione per sperimentazioni biologiche (bobine di Helmoltz, guide d’onda, celle TEM), con l’obiettivo di adottare condizioni di esposizione ben definite.

- Caratterizzazione degli effetti dell’esposizione a campi elettrici pulsati di brevissima durata (nanosecondi) in colture cellulari di mammifero, con il duplice scopo di esplorarne le potenzialità terapeutiche e i meccanismi di azione che ad oggi solo marginalmente noti. Inoltre, in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione della Seconda Università di Napoli, vengono progettati e realizzati sistemi innovativi per la generazione di impulsi e per la loro applicazione ai campioni cellulari.

- Valutazione degli effetti indotti da trattamenti con campi a radiofrequenza e nanoparticelle in colture cellulari. L’uso congiunto di campi elettromagnetici e nanoparticelle è uno dei metodi emergenti per individuare e trattare il cancro. In questo contesto l’attività consiste nella stima della citotossicità delle nanoparticelle in esame applicando metodiche sensibili e ben standardizzate in linee cellulari umane sia di tessuti sani sia tumorali.

- Sviluppo di modellistica e metodologie di imaging per applicazioni biomedicali. L’attività riguarda la modellizzazione dell’interazioni tra campi elettromagnetici ed ambienti biologici complessi a frequenze che vanno dalle microonde ai Terahertz e la messa a punto di metodologie diagnostiche non invasive per la caratterizzazione elettromagnetica dei tessuti e l’individuazione di alterazioni.

 
Referente dell’Unità

Maria Rosaria Scarfì

 
 
Personale afferente al gruppo

Olga Zeni 

Lorenzo Crocco 

Francesco Soldovieri 

Ilaria Catapano

Anna Sannino

Stefania Romeo

Ultima modifica il Martedì, 25 Settembre 2012 13:38
    1) Spesso ai ricercatori viene rimproverato di vivere in un mondo separato  e governato da regole e linguaggi non sempre comprensibili alla maggior parte delle persone; le sembra che questa immagine del mondo scientifico rispecchi ciò che accade nell’Istituto di ricerca che oggi dirige? Direi proprio di no,…

Nuova_sede_1

 

Nuova_sede_2

 

Nuova_sede_3

 

Nuova_sede_4

 

Nuova_sede_5

 

Nuova_sede_6

 

Nuova_sede_7

 

Nuova_sede_8

 

Nuova_sede_9

 

Nuova_sede_10

Nuova_sede_11 Nuova_sede_12
Nuova_sede_13 Nuova_sede_14 Nuova_sede_15


Ultima modifica il Lunedì, 02 Luglio 2012 17:16
«InizioPrec.1234567Succ.Fine»
Pagina 4 di 7