Claudia Giardino

Claudia Giardino

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Dottorando: Daniela Carrion
Tutor: Giovanmaria Lechi, Anna Rampini
Politecnico di Milano - Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Infrastrutture viarie, e Rilevamento
Dottorato in Geodesia e Geomatica (XV ciclo)
Settore ScientificoDisciplinare: ICAR-06

Lo studio riguarda la misura e l'analisi del comportamento non-Lambertiano della radiazione riflessa dalle superfici naturali.

Il comportamento anisotropo può essere spiegato dalla Funzione di Distribuzione della Riflettanza Bidirezionale (BRDF) che descrive la dipendenza della riflettività della superficie dalle geometrie d'illuminazione e d'osservazione. Lo studio è interessante sia per le attività di calibrazione/validazione associate al trattamento dei dati telerilevati, sia per lo studio delle proprietà ottiche delle superfici. In particolare, l'attività di ricerca è orientata alla stima dell'albedo secondo un modello non- Lambertiano e all'utilizzo delle funzioni BRDF per la determinazione dei parametri bio-geofisici mediante inversione di modelli. In questo contesto, è stato inoltre progettato e costruito un apparato oniometrico per l'acquisizione in campo di dati BRDF.

Dottorando: Claudia Giardino
Tutor: Giovanmaria Lechi, Pietro Alessandro Brivio, Eugenio Zilioli
Politecnico di Milano - Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Infrastrutture viarie, e Rilevamento.
Dottorato in Scienze Geodetiche e Topografiche (XIV ciclo)
Settore ScientificoDisciplinare: ICAR-06

Il lavoro di Tesi ha preso in esame le potenzialità di tecniche di Change Detection basate sull’uso di dati multi-spettrali basate su analisi multivariata e univariata.

Lo studio ha toccato sia applicazioni in ambiti innovativi di tecniche note in letteratura, come la Spectral-Temporal Principal Component Analysis/Minimum Noise Fraction e l’uso dei rapporti tra Indici Normalizzati, sia approcci innovativi presentati per la prima volta, come il Soil and Vegetation Index (SVI), la tecnica della Normalized Difference Reflectance (NDR) per l’identificazione dei cambiamenti di copertura del suolo e l’introduzione delle Normalized Difference Change Detection Techniques. La validità di questi strumenti è stata dimostrata attraverso applicazioni multi-scala e multi-sensore in ambiti socio-economici e condizioni ambientali differenti, incentrati su eventi alluvionali e analisi in contesto urbano.

Dottorando: Paolo Villa
Tutor: Giovanmaria Lechi, Mario Gomarasca
Politecnico di Milano - Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Infrastrutture viarie, e Rilevamento
Dottorato in Geodesia e Geomatica (XX ciclo)
Settore ScientificoDisciplinare: ICAR-06
Dottorando: Francesco  Nutini
Tutor: Stefano Bocchi, Mirco Boschetti
Università degli Studi di Milano - Dipartimento di Produzione Vegetale
Dottorato in Biologia vegetale e produttività della Pianta coltivata (XXVI ciclo)
Settore ScientificoDisciplinare: IAG-02

African Monitoring of the Environment for Sustainable Development

Attività di ricerca sull'uso di dati EO per il monitoraggio delle risorse naturali in Africa

Sito web: http://www.eumetsat.int/

Prime contractor: 

Periodo di attività: 

Finanziamento IREA: € 

Responsabile IREA:

 

Personale coinvolto:

 

Attività: 

 

Tirocinante: Simone Sciumbata

argomento/titolo: Analisi delle caratteristiche spettrali delle fioriture dei cianobatteri nei laghi di Mantova

tutor: Claudia Giardino, Mariano Bresciani

Università: Università degli Studi di Milano-Biccoca

Facoltà: Scienze e Tecnologie per l'Ambiente

Corso di Laurea: Scienze dell'Ambiente e del Territorio

Anno accademico: 2010-2011

Tipo di tirocinio:  Stage Lauree Triennali

Tirocinante: Micòl Vascellari

Argomento/titolo:  Telerilevamento iperpsettrale e qualità di acqua e vegetazione

tutor: Claudia Giardino

ENTE: Ente Acque Sardgena Italiana

Anno: 2007-2008

Tipo di tirocinio: Pogramma Master & Back della Regione Sardegna (Agenzia Regionale del Lavoro)

fieldspecLa sede di Milano dell’IREA è attrezzata di un laboratorio di ottico-elettronica, attrezzato di banco ottico. Il laboratorio funge da deposito per la strumentazione scientifica a disposizione dell’istituto per le attività di cal/val ed è sede di misure di laboratorio nonchè di attività di manutenzione della strumentazione. I principali strumenti presenti nel laboratorio sono i seguenti:

  • Spettroradiometro FieldSpec Fr Pro ASD Inc. (350-2500 nm) e accessori (fibre e ottiche subacquee e di superficie)
  • Colorimetro SpectraScan PR-650 Photo Reserch (380-780 nm)
  • Spettradiometro WISP-3 Water Insight (400-900 nm) per misure di riflettanza delle superfici acquatiche
  • Radiometro Exotech 100 BK (4 filtri TM)
  • Termoradiometro Raytek PM40 (8-14 micron)
  • Fotometro solare EKO MS-120 (368 nm, 500 nm, 675 nm, 778 nm)
  • Sensore di misura della PAR Licor lungo la colonna d’acqua (400-700 nm)
  • Ceptometro AccuPAR LP80 - Decagon Devices Inc.
  • Fluorimetro-turbidimetro - Scufa Turner Design Inc.
  • Fluorimetro per pigmenti algali (clorofilla-a, ficocianine, ficoeritrine) e CDOM - Cyclops-7 Turner Design Inc.
  • FATA - Fluorescence And Turbidity Analiyzer: sistema per la misura in continuo lungo transetti orizzontali di parametri di qualità dell’acqua da sonde attive (es.  Scufa) geo-referenziati in automatico mediante acquisizione GPS.
  • MANDRONS - MultiANgular Device for Radiometric Observations over Natural Surfaces: goniometro per misure angolari di radianza riflessa e campionamento della BRDF.
  • Camera emisferica Nikon Coolpix fisheye
  • GPS: Garmin e Trimble

 

logo_melinos "Monitoring European Lakes by means of an Integrated Earth Observation System"

MELINOS è un progetto di ricerca che vede il suo inzio nel 2003, in occasione del lancio della piattaforma Envisat-1 di ESA. Il progetto, che vede coinvolti sia Enti di Ricerca/Università sia utenti gestori della risorsa idrica, garantisce l'accesso ai dati Envisat ed in particolare a quelli raccolti dal sensore MERIS e ha permesso lo svolgersi di numerosi progetti di ricerca e collaborazioni scientifiche a respiro sia internazionale (es. CSIRO Land & Water, Univerità di Stoccolma, Università di Klapeida)  sia nazionale (es. CNR-ISMAR, CNR-ISE, Università di Parma, Università di Milnao Bicocca).
Coordinato dal CNR-IREA, MELINOS ha fornito prodotti da satellite macrodescrittori delle qualità delle acque ad alcune agenzie regionali per la protezione dell'ambiente (APPA Trento, ARPA Umbria) ed enti locali (CRA Sirmione). Nonostante Envisat-1 abbia concluso la sua attività il progetto è attivo ed utlizza altri sensori ottici ESA, come PROBA-CHRISS
 
 
Committente: Agenzia Spaziale Europea (ESA)
Responsabile:  
Claudia Giardino

Personale coinvolto:
Mariano Bresciani, Giacomo De Carolis, Paolo Villa, Mauro Musanti, Erica Matta, Simone Lella, Paola Carrara, Monica Pepe

dottorando: Mirco Boschetti

tutor: prof. Stefano Bocchi, Pietro Alessandro Brivio, Prof. Maurizio Cocucci

Università degli Studi di Milano - Dipartimento di Produzione Vegetale

Dottorato di ricerca in Biologia vegetale e produzione della Pianta coltivata (XVIII ciclo)

Settore ScientificoDisciplinare: AG-03

anno accademico: 2004/2005

«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»
Pagina 8 di 10