Maria Consiglia Rasulo

Maria Consiglia Rasulo

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Lampre2

LAMPRE (Modellazione frana e strumenti per la valutazione della vulnerabilità di preparazione e gestione del recupero ambientale) si propone di migliorare la comprensione attualmente limitata della vulnerabilità dei centri abitati. LAMPRE ha l’obiettivo di sviluppare tecniche innovative di modellizzazione numerica dei processi franosi, basate sull’utilizzo di dati satellitari per l’Osservazioni della Terra (EO) e informazioni tematiche e ambientali.

http://www.lampre-project.eu/

Committente: Unione Europea, FP7

Prime contractor: CNR

Periodo di attività2013 - 2015

Finanziamento IREA: € 120.000

Responsabile IREAPietro Tizzani

medsuvIl progetto, finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Settimo Programma Quadro, si pone come obiettivo la realizzazione di uno studio multidisciplinare sul rischio vulcanico nelle aree dell’Italia Meridionale del Monte Etna e della Caldera dei Campi Flegrei, realizzato da un consorzio internazionale composto da enti di ricerca operanti nel settore del Telerilevamento. L’IREA è coinvolta nel progetto e fornirà mappe di deformazione della superficie terrestre mediante dati Radar ad Apertura Sintetica (SAR) acquisiti in banda X. 

 
Committente: Unione Europea, FP7

Prime contractor: Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)

Periodo di attività: 2013 - 2016

Finanziamento IREA: € 180.000

Responsabile IREAAntonio Pepe

 
 

TerrafirmaScopo del progetto è fornire alle agenzie di protezione civile e agli organismi per la gestione dei rischi naturali supporto nei processi di valutazione e mitigazione del rischio, usando le più innovative tecnologie radar satellitari per la misura delle deformazioni del terreno. Grazie all’utilizzo di questi dati, il progetto fornisce informazioni sul rischio legato ai movimenti del terreno su tutto il territorio dei 27 paesi dell’Unione Europea.

 
Committente: ESA (European Space Agency)

Prime contractor: Altamira Information (Spagna)

Periodo di attività: 2011 -2013

Finanziamento IREA: € 20.000 

Responsabili IREA: Michele Manunta, Eugenio Sansosti

Attività: Interferometria Differenziale Radar ad Apertura Sintetica

 

marsiteIl progetto ha lo scopo di collezionare, condividere e integrare dati multidisciplinari (sismologici, geochimici, geodetici, satellitari, ecc.) per effettuare valutazione, mitigazione e gestione del rischio sismico nella regione del Mar di Marmara. L’attività IREA nell’ambito del progetto MARSite riguarda l’analisi ed il monitoraggio delle deformazioni della superficie terrestre in selezionate aree della regione del Mar di Marmara, attraverso l’utilizzo della tecnica di Interferometria Differenziale denominata SBAS (Small BAseline Subset) applicata a dati Radar ad Apertura Sintetica (SAR) in banda X acquisiti dalla costellazione di sensori SAR Cosmo-SkyMed.

http://cordis.europa.eu/

 
Committente: Unione Europea, 7° Programma Quadro 

Prime contractorKOERI (Kandilli Observatory and Earthquake Research Institute), Turchia

Periodo di attività2012 -2015

Finanziamento IREA:  € 99.450

Responsabile IREAMariarosaria Manzo, Giuseppe Solaro

Attività: Interferometria Differenziale Radar ad Apertura Sintetica

 

"Helix Nebula - The Science Cloud"

Helix NebulaHelix Nebula - The Science Cloud è un progetto FP7 coordinato dal CERN il cui scopo è la creazione di una piattaforma europea sul Cloud Computing a servizio della comunità scientifica. Durante i due anni di durata del progetto (a partire dal 1 giugno 2012), sarà dapprima definita la struttura di Helix Nebula; la stessa sarà poi sviluppata sulla base di tre progetti pilota proposti dal CERN, dall’EMBL e dall’ESA.

L’IREA-CNR è parte attiva nel progetto pilota dell’ESA, chiamato SSEP – SuperSites Exploitation Platform, quale utente privilegiato dell’infrastruttura Helix Nebula per la migrazione, in ambiente Cloud, dell’algoritmo SBAS per la misura dei fenomeni di deformazione da dati satellitari. L'IREA-CNR ha anche un ruolo nella definizione sia dei requisiti utente sia della “governance” del consorzio.

http://www.helix-nebula.eu

 
Committente: Unione Europea
Prime contractor: CERN

Periodo di attività: 2012 - 2014

Finanziamento IREA:  € 48.499

Responsabile IREAFrancesco Casu

Attività: Utilizzo di piattaforme cloud per l'elaborazione di dati SAR interferometrici

"Downstream Observatory organised by Regions active In Space – Network" 

doris netL’obiettivo principale del progetto è incentrato sulla creazione di Regional Contact Office (RCO) in grado di fornire ai differenti attori locali (società private, enti di ricerca, autorità locali e regionali, utenti finali) notizie e informazioni su: opportunità offerte dai prodotti e dai servizi di Copernicus (ex GMES), il progamma spaziale della UE; potenzialità di sviluppo di nuovi prodotti derivati dai dati satellitari in grado di soddisfare le richieste degli utenti; partecipazione ad eventi organizzati da Copernicus e dagli RCO per la diffusione delle informazioni tecniche specifiche; creazione di nuovi RCO nelle regioni interessate. A tal scopo è stata realizzata una piattaforma informatizzata, “European Copernicus Downstream Service Platform”, al fine di rendere più efficace il coordinamento delle singole attività di ricerca e applicazione sia fra di loro sia soprattutto fra le regioni europee e le entità interessate all’interno di Copernicus.

http://www.doris-net.eu/en/project_information

Committente: Unione Europea, 7° Programma Quadro 

Prime contractorIREA

Periodo di attività: 2011 - 2013

Finanziamento IREA:  € 135.767

Responsabile IREA:

Paola Carrara

Tematica:

Sistemi per l'informazione geografica  

safuel

Il progetto riguarda lo sviluppo di un sistema innovativo di gestione e controllo del carburante in aerei. Attualmente i sensori per il monitoraggio del livello di carburante per applicazione aeronautiche sono di tipo capacitivo; questo implica l'utilizzo di dispositivi elettrici e componenti metallici all'interno del serbatoio che possono provocare scintille o corti circuiti con un conseguente rischio di esplosioni. Il progetto prevede lo sviluppo di una nuova generazione di sensori di livello di carburante, in particolare sensori ottici ed acustici, per la riduzione del rischio di esplosioni, lo studio della formazione del ghiaccio all'interno del sistema di gestione del carburante per evitare improvvise occlusioni. innovativi per eliminare i rischi di esplosione legate ai convenzionali sensori elettrici.

http://www.safuel-fp7.eu/

CommittenteUnione Europea, FP7

Prime contractor:Zodiac Intertechnique

Periodo di attività: 2012 - 2015

Finanziamento IREA:  €  293.325 

Responsabile IREA: Romeo Bernini

Attività: Sensori ottici ed optofluidici integrati

 

nanodem

NANODEM (http://nanodem.ifac.cnr.it) è il progetto europeo, con l’Istituto di Fisica Applicata del CNR come capofila, per la realizzazione di un dispositivo biomedico POCT, capace di misurare la concentrazione degli immunosoppressori nel sangue in pazienti trapiantati sia nella fase immediatamente successiva al trapianto che in una situazione a regime. Il dispositivo prevede l’utilizzo di un catetere intravascolare da microdialisi in grado di estrarre continuamente dal sangue del paziente un campione sul quale verranno misurati on-line gli immunosoppressori di interesse (ciclosporina, tacrolimus, sirolimus, everolimus, acido micofenolico). Il cuore del dispositivo sarà un biochip che utilizzerà i nuovi sviluppi nel settore delle nanotecnologie per convertire le variazione di concentrazione degli analiti in segnali ottici rivelabili e per effettuare una determinazione multipla dei diversi immunosoppressori.

Otre il Cnr con due istitutiIFAC e l’IREA, i partner coinvolti nel progetto sono diverse realtà europee: tre Università tedesche (le università di Tübingen, Monaco e Stoccarda), una spagnola (Università Complutense di Madrid), un istituto di ricerca portoghese (Microsystems and Nanotechnologies – INESC) e 3 industrie (Datamed, Milano; Probe Scientific, Coventry, Gran Bretagna e Microfluidic ChipShop, Jena, Germania).

CommittenteUnione Europea, FP7

Prime contractor: CNR - Istituto di Fisica Applicata “Nello Carrara” (IFAC)

Periodo di attività: 2012 - 2016

Finanziamento IREA: € 220.000

Responsabile IREA:   Romeo Bernini

Attività: Sensori ottici ed optofluidici integrati

 

Guarda il video del progetto europeo NANODEM sulla webtv del CNR 

L'obiettivo principale del progetto è lo sviluppo di tre microrisonatori optofluidici di tipo “flow-through”, ossia un micrororisonatore optofluidico a cristallo fotonico, un microrisonatore optofluidico a bolle e un risonatore optofluidico ad anello, basati su diversi principi di funzionamento e tecnologie di fabbricazione. La valutazione dei microrisonatori sarà effettuata mediante rivelazione ottica di specifici biomarker della sepsi, quali procalcitonina e neopterina, aprendo così nuove opportunità nel campo dei biosensori e del Lab-on-Chip e, dunque, nelle applicazioni mediche e point-of-care. L'obiettivo principale dell'unità UR-IREA nell'ambito di questo progetto è la progettazione, la simulazione, la fabbricazione e la caratterizzazione del microrisonatore optofluidico ad anello (ORR). Il dispositivo ORR di tipo flow-through è un risonatore optofluidico realizzato mediante guide d'onda ibride silicio-polimero a riflessione antirisonante con core liquido (H-ARROW). Le guide H-ARROW si compongono di due parti: una inferiore in silicio che comprende i microcanali che costituiscono il core della guida in cui fluisce il fluido campione e una superiore in polimero in cui sono realizzati i canali d'ingresso e uscita per i fluidi. Mediante guide a core liquido è possibile utilizzare lo stesso microcanale per confinare la luce e per trasportare il fluido in esame: si può così ottimizzare l'interazione luce-fluido e migliorare la sensibilità attesa. 
 
 
Committente: MIUR - FIRB futuro in ricerca

Prime contractorUniversità di Pisa

Periodo di attività: 2013 - 2015

Finanziamento IREA:  € 206.322

Responsabile IREA: Genni Testa

Attività: Sensori ottici ed optofluidici integrati

acquasenseIl progetto riguarda la realizzazione di un sistema innovativo per il monitoraggio in tempo reale degli impianti di distribuzione idrica e per la generazione di allarmi tempestivi sulla qualità dell’acqua potabile al verificarsi di anomalie determinate da eventi noti o sconosciuti.

 
Committente: Ministero dello sviluppo Economico, Bando nuove tecnologie per il made in Italy: "Tecnologie e soluzioni impiantistiche per gli ambienti civili ed industriali"

Prime contractor: West Systems S.r.l.

Periodo di attività: 2011 - 2014

Finanziamento IREA: € 193.061

Responsabile IREA: Romeo Bernini

Personale coinvolto: Ilaria Catapano, Francesco Soldovieri

Attività: Sensori ottici ed optofluidici integrati

 

Pagina 33 di 39
pagine_da_convegnoirea2023.jpg
              

IREA for societal challanges pages-to-jpg-0001

Report IREA 2024

logo Ptotezione Civile

logo cnit
 
logo nereus
logocerict web
emfcsc title
icemb
LAC
SPIN-IT
serit11

Seguici su

                  Immagine twitter          Immagine facebook 

 

                         

Chi è online

 378 visitatori online